Comunità Montana del Gargano, Pinto e Maratea a giudizio per tangente

Rinviati a giudizio per concussione Nicola Pinto e Peppino Maratea, sino a gennaio scorso presidente e assessore alla cultura della Comunità montana del Gargano. II processo inizierà a fine aprile: avrebbero preteso una tangente di 20mila euro da un ingegnere per sbloccare un progetto per il cablaggio di una zona del Promontorio. Si dichiarano innocenti. I difensori hanno chiesto ieri al gup di scar­cerare i due noti amministratori garganici, detenuti ai domiciliari dall’11 gennaio scorso quando furono ar­restati: il giudice deciderà dopo Pasqua. Esclusa per il momento, per motivi formali, la costituzione di parte civile della comunità montana contro i due imputati.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici