Regione Puglia: arrivano con un bando i fondi per gli asili nido

E’ stato approvato un bando della Regione per potenziare la rete dei servizi socio educativi per i minori e conciliare tempi di vita e di lavoro: asili nido, sezioni primavera, micronidi e centri ludici e progetti pilota per asili aziendali Secondo l’assessore Gentile “Non basta spendersi in appelli per favorire l’innalzarsi del tasso di natalità nella regione, occorre creare strategie adatte per far sì che le nuove famiglie dispongano di mezzi per rispondere a quella che sta diventando una vera e propria emergenza non solo regionale ma anche nazionale”. È di questo avviso l”assessorato regionale alla solidarietà sociale che mette in campo ben 17 milioni di euro per la costruzione di nuovi asili nido comunali e per progetti pilota per asili nido aziendali presso enti pubblici. Le somme derivano dalle risorse della prima annualità del fondo nazionale per la famiglia cui si aggiungeranno le risorse del programma operativo FESR Puglia 2007-2013. L’obiettivo è di favorire la creazione ed il potenziamento di una rete estesa, qualificata e differenziata su tutto il territorio regionale di servizi socio educativi integrati, per garantire il benessere e lo sviluppo dei bambini, il sostegno al ruolo educativo dei genitori e la conciliazione dei tempi di lavoro e di cura. Beneficiari i comuni pugliesi, le Ipab e gli organismi di diritto pubblico. Il finanziamento consente di realizzare nuove strutture di asili nido o sezioni primavera, di ristrutturare, ampliare o adeguare strutture già esistenti, di realizzare strutture complementari per l’infanzia quali micronidi e centri ludici per la prima infanzia, di realizzare progetti pilota per asili aziendali. Il finanziamento massimo dei progetti a carattere comunale sarà di 700 mila euro, per i nidi aziendali di 800 mila euro. Favoriti i piccoli comuni a cui verrà applicata una maggiorazione del 10% del contributo per la tensione abitativa e il disagio sociale. L’avviso contiene anche indicazioni puntuali sulla formulazione delle domande e la valutazione delle stesse. La scadenza è prevista per il 22 giugno 2008. L’iniziativa va ad aggiungersi a quelle già poste in essere dall’assessorato regionale alla solidarietà sociale nei mesi scorsi: dai contributi per la costruzione e gestione degli asili nido che proprio in questi giorni i comuni pugliesi stanno ricevendo, alla promozione delle sezioni primavera (ne sono state finanziate dal Ministero dell’Istruzione 130 richieste), al potenziamento della rete consultoriale, alla qualificazione del lavoro delle assistenti familiari per facilitare l’incrocio della domanda-offerta dei servizi di cura a domicilio. “La strategia complessiva messa in campo dall’assessorato regionale alla solidarietà sociale – spiega Elena Gentile, Assessore alla Solidarietà – valorizza il ruolo delle famiglie mirando al contempo al loro sostegno, al potenziamento dei servizi socio-sanitari, non emergenziali, distribuiti omogeneamente sul territorio e alla valorizzazione delle reti sociali”. L’obiettivo è quello di portare la percentuale dei bambini accolti dagli asili nido dall’attuale 3.5%, almeno alla media italiana del 12% (significa circa 9.000 posti – bambino in più) e di incrementare al 35% la percentuale di Comuni (rispetto all’attuale 24%) che hanno attivato asili nido, micro nidi, sezioni primavera e altre strutture per l’infanzia.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici