Torna l’ora solare

Tiriamo indietro le lancette, nella notte tra sabato 25 ottobre e domenica 26, torna l’ora solare. Alle 3 del 26 ottobre, gli orologi andranno puntati sulle 2 e fino al 29 marzo prossimo dovremo contare su un’ora di luce in meno. Durante i 7 mesi di ora legale, dal 30 marzo al 26 ottobre 2008, grazie proprio all’ora di luce in più al giorno “guadagnata” l’Italia ha risparmiato 646,2 milioni di kilowattora, ovvero quasi 99 milioni di euro, secondo le rilevazioni di Terna, la società responsabile della gestione dei flussi di energia elettrica sulla rete ad alta tensione. Un risparmio pari alla metà dei consumi domestici annui di Bologna e della sua intera provincia.

L’idea dell’ora legale arriva da lontano: già nel 1784 l’inventore del parafulmine Benjamin Franklin lancio la proposta sul Journal de Paris, proprio con l’idea di risparmiare energia. Ma l’escamotage non convinse. Oltre un secolo dopo (nel 1907), l’idea venne ripresa in Gran Bretagna da William Willet, e questa volta trovò seguaci negli inglesi: nel 1916 la Camera dei Comuni di Londra approva il British Summer Time, ovvero lancette un’ora in avanti durante l’estate. Molti paesi imitarono poi la Gran Bretagna: in tempo di guerra il risparmio energetico era una priorità. In Italia l’ora legale è stata adottata per la prima volta nel 1916 fino al 1920, ha vissuto alterne fortune, abolita e ripristinata varie volte tra il 1940 e il 1948, dal 1966 è stata usata con continuità.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici