Ed ecco a voi: Windows 7

Semplificazione, networking e rivisitazione del Kernel, queste dovrebbero essere le caratteristiche di Windows 7; sulla data di rilascio della versione definitiva è ancora mistero, i ben informati prevedono che questo non avverrà prima dell’inizio del 2010.

La presentazione del nuovo sistema operativo Windows 7, per ora in versione pre-beta, avverrà in due conferenze: la Professional Developers Conference (PDC) e la Windows Hardware Engineering Conference (WinHEC).

Cari Lettori,

Windows Vista ha avuto una vita particolarmente breve rispetto agli altri sistemi operativi, XP in primis, che è ancora molto apprezzato per la sua stabilità e leggerezza, tanto da essere normalmente installato sui netbook in alternativa alle varie release di Linux.

Windows 7 avrà perciò il compito di far dimenticare XP da una parte, garantendo un sistema meno avido di risorse, meno pesante e più stabile, mentre dovrà cercare di far meglio di Vista dall’altra, rinnovando e ampliando le feature già esistenti, come anche l’interfaccia e le possibilità di fruizione da parte di una larga fetta d’utenza.
Vediamo meglio di cosa si tratta.
La grande novità è la nuova taskbar che sostituisce le icone al testo e dispone della funzione “jump list” delle applicazioni ed altre opzioni alle quali si può accedere con un click del bottone destro del mouse .

– I Gadget ora appaiono sul desktop ed è stata eliminata la barra laterale. E’ una scelta razionale per gli utenti dei notebook (e dei prossimi netbook) che dispongono di schermi con risoluzione limitata. Anche in questo caso cliccando su un gadget sullo schermo le altre finestre diventano trasparenti.
– La system tray mostra unicamente quello che stabilisci tu, tutto il resto viene nascosto.

– I controlli relativi all’accesso utente (UAC) sono interamente regolabili relativamente ad ogni applicazione e al livello d’accesso.

– La funzionalità multitouch (dimostrata su di un PC HP TouchSmart) ingrandisce il menu Start del 25% per rendere più confortevole e preciso il tocco. C’è anche una tastiera gigante su schermo , se serve.

– Windows 7 dovrebbe girare bene anche sui netbook con 1 Giga Ram e processore Atom 1.6 Ghz, –
All’altro estremo, Windows 7 supporta fino a 256 microprocessori contemporanei!

– Il supporto multi-monitor è stato molto migliorato e il Desktop Remoto supporta anche più monitor contemporanei.

Ultima voce che vado a segnalarvi riguarda le funzioni di virtualizzazione, provenienti da Windows Server 2008. Sarà presente un supporto per i dischi VHD, già noto agli utenti MS Virtual PC e Hyper-V, in modo da poter avere pieno controllo di queste unità senza installare software aggiuntivo.

Non resta che attendere trepidanti l’appuntamento con la Windows Hardware Engineering Conference (WinHEC).
Il tempo del riserbo sta per scadere..

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici