Monte, portavoce della «Destra» spara a zero sull’ente montano

Il portavoce della Destra montanara Pasquale Santodirocco non perde tempo ed una volta ricevuto l’incarico di responsabile del neo partito di Storace, dal responsabile provinciale Paolo Agostinacchio dice la sua con un pubblico tazebao sulle sinistre e sulle ultime vicende che stanno interessando il Parco e la Comunità Montana del Gargano.

Sulle sinistre Santodirocco denuncia che in vista delle imminenti provinciali di primavera 2008 «stanno sfoderando impunemente il loro arcinoto armamentario denigratorio ed infamante contro rappresentati anche istituzionali di Monte Sant’Angelo, mentre i classici partiti della Casa delle Libertà sembrano come inebetiti». Sul Parco Santodirocco pone l’accento sui rapporti intercorsi tra l’ente, ai tempi di Matteo Fusilli, e il noto ex 007 (ora in carcere perché accusato di traffico d’armi) Scaramella. «Vanno stanati ed inchiodati – dice – alle loro gravissime responsabilità politiche, amministrative e morali, qualora le stesse venissero accertate dalle autorità inquirenti».

Su quanto accaduto alla Comunità Montana del Gargano dove il presidente Nicola Pinto e l’assessore Peppino Maratea sono indagati per concussione dalla Procura di Foggia (Pinto si è autosospeso nel frattempo dalla carica di massimo esponente dell’ente montano) la Destra sottolinea che le «nonostante le faccende poco chiare in seno alla Comunità Montana del Gargano, dove risulta indagato un esponente dello Sdi, quest’ul – timo è ancora sostenuto dai vertici Ds e Margherita, ora insieme nel Partito Democratico ». Insomma il neo portavoce non ha perso un minuto di tempo per far sentire la sua voce ed esprimere la sua opinione.

Articolo a firma Fracesco Trotta tratto da “LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO” edizione del 30/12/2007

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici