Renzi svende le Tremiti per duemila euro l’anno

Isole-TremitiLe ricerche petrolifere autorizzate dal MISE davanti all’Arcipelago delle Isole Tremiti frutteranno al Governo italiano la cifra di 1.929,292 euro l’anno (5,16 euro per chilometro quadrato). Lo denuncia Angelo Bonelli, della Federazione dei Verdi, precisando che “la domanda è stata presentata quattro anni fa ma pensavamo che, visto il trascorrere di tutto questo tempo, non fosse stata accolta. E invece poco prima di Natale ecco qui il decreto. In questo modo si va ad intaccare un’oasi naturale, come ne sono state intaccate tante altre in Italia per le esplorazioni petrolifere, dall’Adriatico al Canale di Sicilia. Questa concessione alzerà un polverone: già in agosto i pescatori delle Tremiti hanno protestato contro questo provvedimento”.

“Di fronte a questa somma, cosa vuole che dica? Se serve a risanare il bilancio dello Stato, ben venga”: il sindaco delle Isole Tremiti, Antonio Fentini, commenta così l’autorizzazione a ricerche petrolifere dinanzi alle stesse isole rilasciata dal Governo con decreto il 22 dicembre scorso alla società Petroceltic Italia. “Ho ricevuto la comunicazione da Roma tre giorni fa ed ho chiamato subito il presidente della Regione Puglia – riferisce il sindaco – ma io mi chiedo: può un governo decidere senza tenere conto del parere delle Regioni, alcune delle quali hanno proposto i referendum contro le trivellazioni? Noi siamo un piccolo comune, abbiamo fatto insieme ad altri diverse manifestazioni, qui e a Peschici, Manfredonia, anche con il compianto Lucio Dalla. Tutto per fermare questa idea”.

Per il primo cittadino delle Tremiti le tecniche che dovrebbero essere usate per le ricerche di idrocarburi in mare sarebbero peraltro molto invasive. “Verrebbero utilizzate piccole esplosioni che fanno impazzire la fauna marina. Tutto questo in Puglia, dove ci sono 135mila addetti alla pesca. Per non parlare dei danni che ci sarebbero per il turismo, altra nostra risorsa”.

20 commenti

  1. Elena Fasolin

    Il “caro” Presidente della Regione Puglia ha, con la sua coalizione di sinistra, la rappresentanza di tutto il governicchio italiano e della figura più importante in Parlamento…

  2. Vi ricordate le Tremiti solo per rapinare i suo valore ma questo valore non né vostro rispettate il creato la vita è solo un Pesah che significa ” transito, passaggio ” non alterate la natura il suo mondo e la verità di vita x tutti noi quindi Signor Presidente deputati senatori voi tutti andate a farvi un po di cozze vostre sul vostro scoglio qui già di cozze nostre ne abbiamo da vendere

  3. Mario Luciani

    Antico detto io ti CREO e io ti DISTUGGO SERPENTE NORDISTA

  4. Carmela Clemente

    Xro da 500 € anche a quei 18enni che non ne hanno bisogno…..ammazza ammazza sono tutti una razza…..si comprano i voti x le prossime elezioni e mi srmbra di ricordare che fece qualcosa di simile anche Berlusconi togliendo l’IMU alla prima casa anche se ville o castelli

  5. Il paese rodi e stato gia’ rovinato con la costruzione del porto adesso voglion o rovinare lindera puglia gia’martoriata guesto e unoffesa soprattuto ai tremitesi e il Gargano

  6. Matteo Galullo

    Non sanno quello che fanno!!.Sono accecati solo dal guadagno…fanno schifo!!!!

  7. Patrizia d

    Renzi perché non vende la sua città o l’intera Toscana e le sue isole. La cosa più triste che i media nazionali non ne parlano.

  8. Paola Campobasso

    Puglia non farti incantare…la tua ricchezza naturale non puo’ farsi comprare

  9. Michele Montecalvo

    Facciamo qualcosa altrimanti saremo in tanti a rimetterci ……….tutti insieme possiamo fermare questa pazzia………..renzi fatti trivellare le palle e vaffanculo noi con mare ci lavoriamo e portiamo il pane a casa pezzo di merda

  10. X antonio: prima di tutto impara almeno un po’ di italiano prima di scrivere sciocchezze, e per seconda cosa Rodi non è stata rovinata dal porto ma da una gestione amministrativa inconsistente e inadatta al ruolo che ricopre.

  11. Giuseppe D

    Per piacere,calma e conosciamo bene i FATTI.

  12. Marco Sciarra

    E cos’altro c’è da conoscere? Noi garganici siamo stanchi di essere presi per i fondelli da una massa di cialtroni che continuano a non fare niente per il nostro territorio mentre tentano di portarci via anche quel poco che ancora ci resta. È il momento di darsi una mossa prima che sia davvero troppo tardi

  13. Mario Luciani

    Al s. D’Argento ma che calma e Fatti dove ci trivelle ce inquinamento questo significa la morte dell GARGANO lo ripeto MALEDETTI POLITICI tantissima medicina dovrete prendere con i soldi che avete preso vergognatevi

  14. Michele Romanelli

    Tutti i politici sono sconnessi dalla realtà perciò bisogna fare delle azioni di forza per farli riconnettere ……ad esempio uno sciopero fiscale per non farli fare i porci comodi con i nostri soldi

  15. Rispondo allinguisitore senza cattiveria il porto non lanno voluto nessuna fazione politica ne di destra ne di sinistra melesbiega lei signormm iguisitore come mai guesto e avvenuto dalla sera al mattino dopo oltre 100anni mi chiami non problemi di di dialogare anche per confrondarci sono nato a rodi nel 1941 in via crocifisso n.12 e consco bene il paese e da chi e stato governato

  16. Caro antonio il porto non estato opera dell’ospirito santo ma un sogno avverrato dalla precedente aministrazione dopo anni di duro lavoro.
    Smettettela di buttare fango inutilmente.
    Son condento per lei che e nato in via crocifisso nr. 12.
    P. S. Mi sono adeguato al suo linguaggio.

Commenta

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici